Amore e Rivoluzione a Firenze

 "Nel nome del giglio", romanzo storico di Lavinia Fonzi edito da Bookroad,

   acquistabile online e in libreria, da novembre prossimo

https://www.bookroad.it/prodotto/nel-nome-del-giglio/

Amore e Rivoluzione a Firenze

by Laura Astrologo Porchè

1798. In Francia è da poco scoppiata la Rivoluzione e le armate francesi hanno cambiato le sorti dell’Italia. A Firenze un gruppo di rivoluzionari cerca di rovesciare il governo del Granduca di Toscana. Tra loro c’è Bianca, giovane poetessa ingenua e romantica, che sogna di trovare l’amore della sua vita; quando l’affascinante Federico la bacia, ella crede che sia il ragazzo dei suoi sogni, ma la realtà si rivela amara: il giovane è un abile seduttore, che si diverte a conquistare le ragazze con leggerezza. Decisa a dimenticarlo, Bianca si imbarca in una pericolosa missione affidatale dal padre morente: il suo compito consiste nel recarsi a Parigi, nel cuore della Rivoluzione, per convincere i politici francesi a sostenere la causa dei patrioti toscani. Ma durante il lungo viaggio la ragazza si ritrova faccia a faccia con Federico, costretto a portare a termine lo stesso incarico per conto di una sua amante. Bianca deve suo malgrado collaborare con lui, anche se lo odia per ciò che le ha fatto e come se non bastasse, Parigi si rivela un’inaspettata fonte di pericoli. L’entusiasmo e l’idealismo di Bianca si scontrano più volte con l’indifferenza e il cinismo di Federico, ma le vicende che affrontano li faranno riavvicinare.

Tra intrighi ed incomprensioni, i due giovani dovranno portare a termine la loro missione, che culminerà in una congiura che mira dritta al centro del potere: Palazzo Pitti.Le vicende di Bianca e Federico, frutto d’invenzione, si dipanano in un contesto storico reale. A poco a poco il lettore scopre la Firenze di fine Settecento, una città affascinante e in parte scomparsa, dotata di torri medievali e di luoghi pittoreschi come il Mercato Vecchio, oggi non più esistente. E’ una Firenze in cui le idee rivoluzionarie provenienti dalla Francia si stanno lentamente facendo strada nella società: la polizia e le autorità aumentano la sorveglianza, mentre alcuni intellettuali sognano di liberare l’Italia dal governo straniero. Questa situazione turbolenta è lo spunto per narrare delle vicende politiche mai esistite, ma verosimili nella situazione politica dell’epoca. Ma “Nel nome del Giglio” è soprattutto una storia che parla di grandi sogni e ideali, della tenacia nell’inseguire i propri obiettivi, ma anche della capacità di pentirsi e di riscattarsi, e dell’amore che a volte è più grande degli errori.
Pubblicato: 22/07/2020
Share:


I NOSTRI SITI



Ultime interviste

© Copyright 2012-2020 DonnaDonna.eu - Privacy Policy - Cookie Policy
Realizzazione siti web