Nella mostra d'arte in Vaticano la Federazione Russa, presenta Malevich (Ucraino ) come pittore "russo"

Nella mostra d'arte in Vaticano la Federazione Russa, presenta Malevich (Ucraino ) come pittore "russo"

Roma.  Autentici capolavori, testimonianza di secoli d’arte, provenienti dalla collezione della Galleria Statale Tretyakov e musei Russi, saranno protagonisti dell’attesissimo evento “VELINA, il tratto Russo. Dal Dionisio a Malevic”, da 19 novembre nella suggestiva cornice dei Musei Vaticani, Braccio di Carlo Magno. L’esposizione, per la prima volta a Roma, è stata concepita come una degna riposta al generoso gesto dei Musei Vaticani e per questo gli organizzatori hanno dato vita ad un progetto ambizioso, decisamente significativo in termini di livello artistico e dedicato al messaggio spirituale e culturale della Russia al centro del mondo cristiano occidentale. Come concepito dal curatore la mostra racchiude l'unicità della mentalità artistica della nazione e pone l'accento sulla continuità delle tradizioni, sulle profonde connessioni interne dell'iconografia e  sul realismo  russo   del     XIX secolo. E’ stato sviluppato un  concetto originale e in molti modi innovativo del progetto e  sono stati selezionati oggetti di eccezionale pienezza figurativa e valore    artistico.  Nello spazio espositivo  due tradizioni  storiche e culturali entrano in dialogo: l'arte antica russa e la pittura della seconda metà del XIX e il primo terzo del XX  secolo. Sull'esempio delle  opere   presentate (icone  e  dipinti)  queste potenti tradizioni dell'arte russa sono  combinate. L'idea della mostra  è di mostrare la parentela, che  si è rivelata inestirpabile, nonostante  la rottura dei legami culturali durante il  regno di Pietro I; fare  confronti sul principio delle inaspettate ma ovvie analogie ,rivelando che l'arte russa  non è due stadi diversi e quasi opposti,  ma un tutto unico. La mostra è realizzata grazie al Ministero della Cultura di Federazione  Russa, Galleri Tretyakov Statale, uno dei più grandi e più visitati musei risalente al 1856, dai musei Vaticani e dalla  Fondazione benefica di Alisher Usmanov “Arte, scienza e sport», che opera con progetti che svolgono una missione responsabile nel riunire culture di nazioni diverse e per questa occasione importante si avvalora il forte legame tra la cultura e l’arte della Russia e dell’Italia.  Kazimir Malevich, nato a Kiev (Ucraina) nel 1878 fu uno dei più attivi e dotati esponenti dell'avanguardia Europea. In vita egli stesso amava definirsi cittadino ucraino! Definire Malevich come arte esclusivamente "russa" è riduttivo, sì è vero che opere  dell'artista siano attualmente conservate nella collezione  Tretyakov, ma altre più importanti sono New York e  ma la maggior parte delle sue opere sono a Berlino, dove lui stesso le lasciò.

 

Pubblicato: 29/11/2018
Share:


I NOSTRI SITI



Ultime interviste

© Copyright 2012-2018 DonnaDonna.eu - Privacy Policy - Cookie Policy
Realizzazione siti web